Alimenti anti-melanoma

Recenti progressi dal punto di vista biologico

Immagine melanoma alimentiIl melanoma maligno cutaneo è una malattia eterogenea, essendo la conseguenza di specifiche alterazioni genetiche lungo diversi percorsi molecolari. 

Nonostante l'accresciuta conoscenza della biologia e della patogenesi del melanoma, l'incidenza è cresciuta notevolmente in tutto il mondo, rendendo estremamente importante lo sviluppo di misure preventive. 

Il ruolo benefico della corretta alimentazione e di alcuni composti dietetici naturali nella prevenzione del melanoma maligno è stato ampiamente dimostrato: il consumo regolare di frutta e verdura è associato a un ridotto rischio di cancro. La sola modifica della dieta, aumentando l'assunzione di frutta e verdura, potrebbe persino prevenire il tumore in genere. 

Questa evidenza ha risvegliato l'interesse per la ricerca sui componenti alimentari bioattivi e ha portato all'identificazione di composti con un potenziale preventivo e terapeutico. Per la loro sicurezza, bassa tossicità e proprietà antiossidanti, frutta, verdura e altri elementi dietetici (fitochimici e minerali) sono stati analizzati come agenti chemiopreventivi, destinati a interrompere il processo di carcinogenesi, che comprende l'inizio, la promozione e la progressione di cellule altrimenti normali come cellule cancerose.

Caffè e tè sono le bevande più consumate in tutto il mondo. Contengono numerosi fitochimici, molti dei quali sono antiossidanti, come acidi clorogenici, acido chinico, acido caffeico, acido ferulico e acido cumarico tra i polifenoli,  la caffeina, i diterpeni. 

Il resveratrolo è un polifenolo naturale che si trova comunemente in frutta, bucce, gelsi e vino rosso. Il resveratrolo può indurre l'apoptosi delle cellule tumorali interferendo con le molteplici vie di segnalazione delle cellule trasformate. Può anche promuovere la sorveglianza immunitaria attraverso il sistema immunitario innato, influenzando in tal modo l'eliminazione spontanea delle cellule tumorali prima della proliferazione.

I carotenoidi dietetici, poi, hanno proprietà antiossidanti, riducendo così il rischio di tumori cutanei indotti dai raggi UV nei topi, e la somministrazione di vitamina A è stata proposta come approccio al chemioprevenzione del melanoma; sembra esercitino anche un'attività anti-melanoma attraverso percorsi alternativi, compresi gli effetti anti-angiogenici alterando le citochine e la traslocazione nucleare di fattori di trascrizione in linee cellulari di melanoma. Anche la vitamina C e la E possono avere un ruolo potenziale nella chemioprevenzione del melanoma.

Insomma, se avete controllato i nei, la prova costume in salute si supera con frutta e verdura, senza scordare le creme solari con i filtri di protezione dagli UV!


Autori: Maria Neve Ombra , Panagiotis Paliogiannis, Luigia Stefania Stucci et al.
Fonte: Nutr Metab (Lond). 2019; 16: 33
Link della fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6528337/


 
Autore:

DS Medica

Società leader in Italia nella nutrizione clinica e nella diagnostica per immagini. DS MEDICA è partner dei più importanti Istituti di Ricerca italiani ed internazionali nelle aree di eccellenza in cui esplica la sua attività.

Segui DS Medica      

Tecnologia e servizi approvati da:


EMA: European Medical Association


Federanziani

Sistema di certificazione qualità:

Uffici di rappresentanza:

Sede di Milano
Viale Monza 133
20125 - Milano
Sede di Roma
Viale Regina Margherita, 302
00198 – Roma
Sede di Napoli
Via Jannelli 646
80131 - Napoli