Chetogenica contro i disturbi alimentari

La chetogenica vince su BED e FA

Immagine donna che mangiaSebbene le restrizioni dietetiche possano svolgere un ruolo causale nello sviluppo e nel mantenimento di un'alimentazione disordinata nella bulimia nervosa, studi che esaminano specificamente gli effetti della dieta rigorosa nel disturbo da alimentazione incontrollata (BED) hanno riportato riduzioni significative e persino la remissione della malattia. La reintroduzione dei normali schemi dietetici è accompagnata da un aumento del consumo eccessivo, tuttavia la gravità non raggiunge i livelli pre-trattamento e molti pazienti non soddisfano più i criteri per il BED. 

Spesso comorbosi con BED sono i sintomi di dipendenza da cibo (AD) e la mancanza di autocontrollo. 

Sebbene la dipendenza da cibo sia un costrutto controverso, lo strumento più utilizzato per valutare i sintomi di dipendenza auto-riportati in relazione al cibo è la Yale Food Addiction Scale (YFAS), che è stata sviluppata modellando i criteri del DSM-IV per l'abuso di sostanze.

La prevalenza dei sintomi della dipendenza da cibo negli individui con obesità, utilizzando i criteri YFAS, varia dal 15 al 20% con tassi fino al 42% tra i candidati alla chirurgia bariatrica. 

Le diete chetogeniche sono schemi dietetici a basso contenuto di carboidrati e moderatamente proteici.

La chetosi nutrizionale sostenuta induce una serie di cambiamenti fisiologici che comportano soppressione dell'appetito, fame più bassa, maggiore sazietà, maggiori tassi di lipolisi, riduzione della lipogenesi e aumento dei costi metabolici della gluconeogenesi e dell'effetto termico delle proteine. Gli studi che dimostrano la soppressione dell'appetito indotta dai corpi chetonici e una maggiore sazietà forniscono una base teorica per la prescrizione di una dieta chetogenica per le persone con obesità che riportano sintomi di BED e dipendenza da cibo. Tali pazienti spesso sostengono l'incapacità di resistere a un aumento dei livelli di fame, disturbi della sazietà (ad es. "Non sentirsi mai pieni"), voglie di cibo e sollecitazioni ad abbuffarsi, e citano queste esperienze come colpevoli del fallimento nel raggiungere la perdita di peso.
 
Una recente pubblicazione riporta 3 casi clinici sulla fattibilità di una dieta chetogenica a basso contenuto di carboidrati iniziata da tre pazienti (54, 34 e 63 anni) con obesità (BMI medio 43,5 kg / m2) con BED e AD.
Tutti i pazienti hanno tollerato e seguito la dieta chetogenica  per il periodo prescritto (ad es. 6-7 mesi) e nessuno ha riportato effetti avversi importanti.
I pazienti hanno riportato riduzioni significative degli episodi di abbuffata e dei sintomi di dipendenza da cibo tra cui voglie e mancanza di controllo misurate dalla scala di alimentazione incontrollata, dalla scala di dipendenza alimentare Yale o dalla scala ossessiva-compulsiva Yale-Brown modificata per l'abbuffata, a seconda del caso. Inoltre, i pazienti hanno perso il 10-24% del loro peso corporeo e hanno mantenuto gli effetti del trattamento (rispetto a peso, abbuffate e sintomi di dipendenza da cibo) fino a 9-17 mesi dopo l'inizio e il costante rispetto della dieta.
 
Sebbene l'assenza di casi di controllo precluda conclusioni relative al ruolo specifico delle diete chetogeniche rispetto ad altre forme di restrizione dietetica, questo è il primo rapporto che dimostra la fattibilità della prescrizione di una dieta chetogenica per i pazienti con obesità che segnalano sintomi di dipendenza da cibo e abbuffate.
 
L’approccio sembra comunque fattibile ed efficace, soprattutto quando altre terapie non hanno avuto successo.
 

Autori: Matthew Carmen, Debra Lynn Safer, Laura R Saslow et Al.
Fonte: J Eat Disord, 8, 2. 2020 Jan 29 PMID: 32010444 PMCID: PMC6988301 DOI: 10.1186/s40337-020-0278-7
Link della fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6988301/


 
Autore:

DS Medica

Società leader in Italia nella nutrizione clinica e nella diagnostica per immagini. DS MEDICA è partner dei più importanti Istituti di Ricerca italiani ed internazionali nelle aree di eccellenza in cui esplica la sua attività.

Segui DS Medica      

Tecnologia e servizi approvati da:


EMA: European Medical Association


Federanziani

Sistema di certificazione qualità:

Uffici di rappresentanza:

Sede di Milano
Via Teodosio, 74
20131 - Milano
Sede di Roma
Viale Regina Margherita, 302
00198 – Roma
Sede di Napoli
Via Jannelli 646
80131 - Napoli