Diete, vantaggiose se sono inclusi alimenti sani

Al di là della composizione in macronutrienti

Immagine alimentiLe diete a basso contenuto di grassi non mostrano alcuna differenza significativa rispetto alle diete a basso contenuto di carboidrati in termini di rischio complessivo di morte.
 
Uno studio americano dimostra che l’efficacia di una dieta a basso contenuto di carboidrati o a basso contenuto di grassi può dipendere non solo dai tipi di proteine ​​e grassi o carboidrati, ma anche dalla loro qualità. Ovvio? Mica tanto.
 
La dieta svolge un ruolo importante nella salute pubblica e la dieta subottimale è stimata come la prima causa di morte e la terza causa di anni di vita, adeguati alla disabilità, persi negli Stati Uniti. Sebbene studi precedenti non abbiano generalmente trovato alcuna differenza tra diete povere di grassi e di carboidrati in termini di obiettivi di perdita di peso, la ricerca su esiti sanitari più ampi è stata carente.
 
Sulla base dei dati del National Health and Nutrition Examination Survey (NHANES) degli Stati Uniti dal 1999 al 2014, che includevano dettagli dietetici, i ricercatori hanno potuto caratterizzare non solo modelli alimentari a basso contenuto di grassi e di carboidrati nel complesso, ma punteggi dietetici malsani e salutari a basso contenuto di carboidrati e a basso contenuto di grassi. I punteggi dietetici su 37.233 adulti, che avevano un'età media di 49,7 anni e il 52,6% erano donne, sono stati confrontati con i dati di mortalità del National Death Index sulla mortalità per tutte le cause dal basale al 31 dicembre 2015.
 
I ricercatori hanno diviso i partecipanti in 11 strati specifici per sesso secondo la percentuale di energia da grassi, proteine ​​e carboidrati, come determinato dai richiami dietetici di 24 ore. Per i grassi e le proteine, gli individui nello strato più alto hanno ricevuto 10 punti e quelli nello strato più basso hanno ricevuto 0 punti. Per i carboidrati, l'ordine degli strati è stato invertito. I punti per i tre macronutrienti sono stati quindi sommati per creare il punteggio complessivo, che variava da 0 a 30.
Ulteriori punteggi sono stati quindi assegnati in base al consumo di carboidrati o grassi di alta o bassa qualità.

Quali sono i carboidrati malsani? Cereali raffinati e cibi con zuccheri aggiunti, ad esempio, mentre fonti più sane includevano cereali integrali, verdure non amidacee e frutta intera.
Per le diete povere di carboidrati, la sostituzione di grassi saturi con grassi insaturi era tra le scelte alimentari che portavano a un punteggio più sano.
 
Nel corso dello studio, i punteggi complessivi delle diete a basso contenuto di carboidrati e a basso contenuto di grassi non hanno dimostrato alcuna associazione con i tassi di mortalità totale.
 
Tuttavia, dopo l'aggiustamento multivariato, è stato evidente un aumento del rischio di mortalità totale per punteggi dietetici malsani sia se a basso contenuto di carboidrati che a basso contenuto di grassi.
 
Al contrario, i tassi di mortalità totale per aumento del 20% nei punteggi dietetici sono stati ridotti sia per le diete sane a basso contenuto di carboidrati che per le diete sane a basso contenuto di grassi.
 
Al di là della composizione in macronutrienti, la qualità del cibo fa la differenza!
 
Il legame tra carboidrati malsani e grassi e mortalità potrebbe essere spiegato da molti meccanismi:
una dieta ricca di grassi saturi è molto appetibile e può avere un effetto debole sulla sazietà, portando potenzialmente a un consumo eccessivo e all'obesità. La sostituzione di grassi saturi con grassi insaturi è nel frattempo associata a un minor rischio di malattie cardiache e mortalità.
 
Allo stesso tempo, i carboidrati di bassa qualità, come i cereali raffinati e gli zuccheri aggiunti, forniscono un valore nutrizionale limitato e il loro elevato carico glicemico potrebbe essere associato con glicemia e insulina postprandiali elevati, infiammazione, insulino-resistenza e dislipidemia.
 
Quindi la dieta per la vita si orienta sempre di più verso la qualità delle fonti alimentari di macronutrienti. Addio Junk Food.
 

Autori: Zhilei Shan, MD, PhD, Yanjun Guo et Al.
Fonte: JAMA Intern Med. Published online January 21, 2020. doi:10.1001/jamainternmed.2019.6980
Link della fonte: https://jamanetwork.com/journals/jamainternalmedicine/article-abstract/2759134


 
Autore:

DS Medica

Società leader in Italia nella nutrizione clinica e nella diagnostica per immagini. DS MEDICA è partner dei più importanti Istituti di Ricerca italiani ed internazionali nelle aree di eccellenza in cui esplica la sua attività.

Segui DS Medica      

Tecnologia e servizi approvati da:


EMA: European Medical Association


Federanziani

Sistema di certificazione qualità:

Uffici di rappresentanza:

Sede di Milano
Viale Monza 133
20125 - Milano
Sede di Roma
Viale Regina Margherita, 302
00198 – Roma
Sede di Napoli
Via Jannelli 646
80131 - Napoli