Il cervello "obeso"

Dal metabolismo al cervello, diversi sono gli effetti dell’obesità

Immagine cervello e obesitàL'obesità sta aumentando a livelli senza precedenti con effetti sia diretti che indiretti sulla disfunzione di più tessuti e organi.

Dal punto di vista anatomico, negli individui obesi rispetto alle loro controparti di peso normale sono state rilevate differenze  nella sostanza grigia e bianca; in particolare, per la grigia è stato dimostrato che è ridotta nelle regioni del cervello come l'ippocampo, la corteccia prefrontale e altre regioni subcorticali. 

L'obesità e la sindrome metabolica sono state legate al deterioramento della funzione cognitiva. Inoltre, i dati clinici hanno dimostrato che l'obesità e il diabete mellito sono collegati non solo al declino cognitivo, ma anche ad altri disturbi cerebrali come la demenza, l'ansia e la depressione con meccanismi che includono il coinvolgimento di stress ossidativo, infiammazione e metabolismo lipidico anormale. 

La resistenza periferica all'insulina ha dimostrato di essere accompagnata da declino cognitivo, principalmente nella memoria e nella performance esecutiva. La perdita di controllo glicemico, evidenziata dall'aumento dei livelli circolanti di HbA1c, è risultata essere un fattore di rischio per la disfunzione cognitiva, ma la durata del solo diabete potrebbe non influenzare le prestazioni cognitive se la glicemia è adeguatamente controllata nel tempo. 

I livelli circolanti aumentati di citochine pro-infiammatorie partecipano all'infiammazione sistemica indotta dall'obesità. Questa infiammazione sistemica può partecipare allo sviluppo del declino cognitivo e della demenza. 

Per le adipochine, la carenza di leptina è stata collegata ad alterazioni del volume e della struttura del cervello e queste alterazioni hanno dimostrato di essere invertite dalla somministrazione di leptina. I livelli plasmatici di adiponectina sono inversamente correlati all'obesità, all'insulino-resistenza e al diabete mellito di tipo 2, con livelli di adiponectina nel liquido cerebrospinale 1000 volte più bassi dei livelli plasmatici. L'adiponectina ha dimostrato di regolare la proliferazione, la neurogenesi e la ramificazione delle cellule staminali neurali dell'ippocampo.

È importante sottolineare che tutte le morbilità associate all'obesità (malattie cardiovascolari, diabete, aterosclerosi, ecc.) incidono sulla salute del cervello. 

Diversi aspetti della funzione cerebrale risultano influenzati dall'infiammazione innescata dall'obesità. La neuroinfiammazione periodica è una difesa necessaria per il cervello. Tuttavia, quando la neuroinfiammazione diventa prolungata o incontrollata (neuroinfiammazione cronica), interrompe le normali barriere protettive e porta alla plasticità sinaptica disadattiva e allo sviluppo di diversi disturbi neurodegenerativi. 

Le cause e l'impatto dell'obesità sulla salute generale sono tutt'altro che lineari e indicano un insieme complesso di interazioni. I fattori ambientali e l'invecchiamento possono accelerare o inibire gli effetti dell'obesità sui vari sistemi di organi e tessuti del corpo, e questa è un'area di ricerca che si sta rapidamente espandendo e identificando risultati entusiasmanti. 
 

Autori: RM Uranga, Jeffrey Neil Keller 
Fonte: Front Neurosci. 2019; 13: 513.
Link della fonte : https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6542999/


 
Autore:

DS Medica

Società leader in Italia nella nutrizione clinica e nella diagnostica per immagini. DS MEDICA è partner dei più importanti Istituti di Ricerca italiani ed internazionali nelle aree di eccellenza in cui esplica la sua attività.

Segui DS Medica      

Tecnologia e servizi approvati da:


EMA: European Medical Association


Federanziani

Sistema di certificazione qualità:

Uffici di rappresentanza:

Sede di Milano
Viale Monza 133
20125 - Milano
Sede di Roma
Viale Regina Margherita, 302
00198 – Roma
Sede di Napoli
Via Jannelli 646
80131 - Napoli