Influenza della genetica nella risposta alla dieta

La dieta va cucita sempre più su misura

Immagine DNALa restrizione energetica induce adattamenti del dispendio energetico a riposo (REE) e dell'attività fisica; la variabilità interindividuale potrebbe essere attribuita alla predisposizione genetica.

Un recente studio ha esaminato se i cambiamenti di REE e nel'attività fisica a seguito della perdita di peso fossero influenzati da polimorfismi a singolo nucleotide (SNP) candidati.

I ricercatori hanno esaminato 148 soggetti (39 uomini, 109 donne), età media ± DS: 41 ± 9 anni; indice di massa corporea (BMI): 31,9 ± 3,0 kg / m2, che hanno seguito una dieta a fortemente ipocalorica per 8 settimane. Gli SNP sono stati selezionati tra sei geni candidati: ADRB2, FTO, MC4R, PPARG2, PPARD e PPARGC1A.

Il genotipo eterozigotico di FTO è stato associato a una maggiore quantità di attività fisica rispetto al genotipo omozigote maggiore mentre il genotipo allele del rischio omozigote non era diverso al basale; inoltre, è stato osservato un modello simile dopo la restrizione energetica.

I pazienti con genotipo omozigote minore dell'ADRB2 hanno avuto una maggiore riduzione del REE (P <0,05) e una maggiore termogenesi adattativa (P <0,05) dopo la perdita di peso, suggerendo un ruolo centrale per una ridotta mobilizzazione lipidica. La riduzione sproporzionata del dispendio energetico favorisce un bilancio energetico positivo dopo la perdita di peso e può predisporre al recupero del peso.

Quindi gli uomini e le donne obesi omozigoti per l'allele minore ADRB2 rs1042713 (AA) mostrano un maggiore adattamento indotto dalla restrizione energetica nella REE o dalla termogenesi adattativa. Inoltre, i soggetti portatori del genotipo eterozigotico di FTO rs9939609 avevano una maggiore attività fisica al basale e lo stesso dopo la perdita di peso.
I risultati di questo studio hanno mostrato un'associazione tra l'allele minore di ADRB2 e REE inferiore ma non hanno mostrato alcuna associazione tra la variazione del genotipo REE e FTO.
 
ADRB2 è membro della superfamiglia del recettore adrenergico accoppiato con proteine ​​G e partecipa alla regolazione periferica del dispendio energetico. ADRB2 è espresso nel tessuto adiposo sottocutaneo e mobilizza i lipidi all'interno delle cellule adipose umane stimolando la lipolisi. 
L'associazione tra REE, termogenesi adattiva e alterata funzione del recettore β2-adrenergico, suggerisce che una ridotta capacità di mobilizzare i lipidi all'interno del tessuto adiposo attraverso la lipolisi per compensare un ridotto apporto di energia ha un ruolo centrale negli adattamenti metabolici. 
 Insieme, questi risultati indicano che una migliore capacità di regolare la beta ossidazione durante la restrizione energetica e una maggiore capacità di mobilizzare gli acidi grassi liberi in circolo può portare a una termogenesi meno adattativa. 
 

Autori: Stefan G J A Camps, Sanne P M Verhoef, Freek G Bouwman, Edwin C M Mariman, Klaas R Westerterp
Fonte: Gene X. 2019 May 18;3:100019. doi: 10.1016/j.gene.2019.100019. eCollection 2019 Sep.
Link della fonte: https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S2590158319300166?via%3Dihub


 
Autore:

DS Medica

Società leader in Italia nella nutrizione clinica e nella diagnostica per immagini. DS MEDICA è partner dei più importanti Istituti di Ricerca italiani ed internazionali nelle aree di eccellenza in cui esplica la sua attività.

Segui DS Medica      

Tecnologia e servizi approvati da:


EMA: European Medical Association


Federanziani

Sistema di certificazione qualità:

Uffici di rappresentanza:

Sede di Milano
Via Teodosio, 74
20131 - Milano
Sede di Roma
Viale Regina Margherita, 302
00198 – Roma
Sede di Napoli
Via Jannelli 646
80131 - Napoli