Medici, dietisti, nutrizionisti. Le competenze in tema di diete

Il dottore mi ha detto di mettermi a dieta, da chi vado?

Immagine professioni sanitarieA seguito di un articolo pubblicato lo scorso 2 luglio su Quotidiano Sanità in cui la Federazione nazionale degli Ordini dei Tsrm e delle Pstrp, ossia la Federazione del nuovo Maxi ordine dei Tecnici sanitari di radiologia medica ed assistenti sanitari, con l’aiuto dell’Associazione nazionale Dietisti (Andid) ha voluto fare chiarezza mettendo nero su bianco chi sono e cosa fanno i dietisti, professionista sanitario laureato (SNT/3), il cui profilo professionale è stato normato col D, 744/94.

In sintesi, il dietista
- è competente per tutte le attività finalizzate alla corretta applicazione dell’alimentazione e della nutrizione;

- organizza e coordina le attività specifiche relative all’alimentazione in generale e alla dietetica in particolare;
- svolge la propria attività professionale in ambito pubblico o privato;
- elabora, formula ed attua le diete prescritte dal medico e ne controlla l’accettabilità da parte del paziente.
- collabora con altre figure al trattamento multidisciplinare dei disturbi del comportamento alimentare
- studia ed elabora la composizione di razioni alimentari atte a soddisfare i bisogni nutrizionali di gruppi di popolazione e pianifica l’organizzazione dei servizi di alimentazione di comunità di sani e di malati
 

Leggi l’articolo su Quotidiano Sanità

A seguito dell’articolo, sono pervenute all'Ordine Nazionale dei Biologi numerose lamentele da parte dei  nutrizionisti. Il Presidente dell’ONB ha puntualizzato le competenze tra le diverse figure coinvolte con l’intento non di accreditare la prevalenza della professione sanitaria di biologo rispetto a quella tecnico sanitaria di dietista o la maggiore dignità dell'una a scapito dell'altra ma solo di chiarire i reciproci confini nel campo della nutrizione umana.

a)    Mentre il medico-chirurgo può, ovviamente, prescrivere diete a soggetti sani e a soggetti malati, è corretto ritenere che il biologo possa elaborare e determinare diete nei confronti sia di soggetti sani, sia di soggetti cui è stata diagnosticata una patologia, solo previo accertamento delle condizioni fisio-patologiche effettuare dal medico-chirurgo.

b)    Il biologo può autonomamente elaborare profili nutrizionali al fine di proporre alla persona che ne fa richiesta un miglioramento del proprio 'benessere', quale orientamento nutrizionale finalizzato al miglioramento della salute. In tale ambito può suggerire o consigliare integratori alimentari, stabilendone o indicandone anche le modalità di assunzione.

c)    Il dietista, profilo Professionale dell'area tecnico-sanitaria, individuato dal D.M. 14 settembre 1994, n. 744, ex art. 6, comma 3, del D. Lgs. 502/92, 'svolge la sua attività Professionale in strutture Pubbliche o private, in regime di dipendenza o libero Professionale' e, in particolare, in collaborazione con il medico ai fini della formulazione delle diete su prescrizione medica".
 

Leggi l’articolo su Quotidiano sanità



 
Autore:

DS Medica

Società leader in Italia nella nutrizione clinica e nella diagnostica per immagini. DS MEDICA è partner dei più importanti Istituti di Ricerca italiani ed internazionali nelle aree di eccellenza in cui esplica la sua attività.

Segui DS Medica      

Tecnologia e servizi approvati da:


EMA: European Medical Association


Federanziani

Sistema di certificazione qualità:

Uffici di rappresentanza:

Sede di Milano
Viale Monza 133
20125 - Milano
Sede di Roma
Viale Regina Margherita, 302
00198 – Roma
Sede di Napoli
Via Jannelli 646
80131 - Napoli