Omega-3 da aumentare, anche contro il Covid

Una nutrizione di precisione è sempre più necessaria

Immagine omega3La salute dell'individuo e della popolazione in generale è il risultato dell'interazione tra la genetica e vari fattori ambientali, di cui l'alimentazione/nutrizione è il più importante.

Un recente articolo si è focalizzato sull'associazione tra alti livelli di PUFA omega 6 e ridotti livelli di omega-3 dovuti a variazione genetica e/o assunzione alimentare, con cambiamenti nei mediatori specializzati pro-risoluzione (SPM), tempesta di citochine, risoluzione dell'infiammazione e Covid19.

La revisione

Gli esseri umani si sono evoluti con una dieta bilanciata negli acidi grassi essenziali n-6 e n-3 con un rapporto n-6 / n-3 di 1-2 / 1, mentre oggi questo rapporto è 16/1!

Un rapporto così elevato è dovuto ad elevate quantità di acidi grassi n-6. Ed ha le sue conseguenze: porta a uno stato protrombotico e proinfiammatorio ed è associato ad obesità, diabete, malattie cardiovascolari e alcune forme di cancro.

Ad aumentare l'infiammazione contribuisce una variazione genetica nella biosintesi dell'acido linoleico n-6 (LA) in acido arachidonico (ARA) e di linolenico (ALA) in acido eicosapentaenoico (EPA) e acido docosaesaenoico (DHA).

Infatti, gli esseri umani di oggi hanno due aplotipi comuni che differiscono notevolmente nella loro capacità di generare acidi grassi a catena lunga.

L'aplotipo derivato più efficiente ed evoluto aumenta l'efficienza della sintesi di acidi grassi essenziali a catena lunga dai precursori e avrebbe potuto fornire un vantaggio in ambienti con accesso limitato agli acidi grassi a catena lunga dietetici ARA, EPA e DHA.

Nel mondo moderno invece questo aplotipo è stato associato a malattie legate allo stile di vita, come le malattie cardiovascolari, obesità, diabete, tutte caratterizzate da un aumento dei livelli di infiammazione.

Gli afroamericani e le popolazioni latine hanno una maggiore suscettibilità e tassi di mortalità più elevati per SARS-CoV-2 rispetto ai bianchi.

Queste popolazioni sono caratterizzate da un aumento del numero di persone (circa l'80%) che sono metabolizzatori veloci, con conseguente aumento della produzione di ARA, nonché scarsa assunzione di frutta e verdura. La combinazione di un metabolismo veloce e della assunzione elevata di n-6 aumenta lo stato infiammatorio e la possibile suscettibilità a SARS-CoV-2.

Studi in vitro e sull'uomo indicano che i mediatori specializzati pro-risolventi (SPM) prodotti da n-3, EPA e DHA influenzano la risoluzione dell'infiammazione, consentendo ai tessuti di tornare alla funzione e all'omeostasi. Ciascuno degli SPM contro-regola le tempeste di citochine, così come i mediatori lipidici proinfiammatori tramite NFκB e la down-regolazione dell'inflammasoma e riducono gli eicosanoidi proinfiammatori prodotti da ARA.

La disponibilità nutrizionale di acidi grassi n-3 nella dieta da oli marini arricchiti con precursori intermedi SPM, insieme all'aumento della biosintesi locale degli SPM a concentrazioni funzionali, può essere un approccio di valore durante le infezioni da SARS-CoV2, nonché nella prevenzione e per abbreviare il recupero dopo la malattia.
 

Autori: Artemis P Simopoulos , Charles N Serhan, Richard P Bazinet
Fonte: Mol Aspects Med. 2021 Jan 28;100943. doi: 10.1016/j.mam.2021.100943.
Link della fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7843119/



 
Autore:

DS Medica

Società leader in Italia nella nutrizione clinica e nella diagnostica per immagini. DS MEDICA è partner dei più importanti Istituti di Ricerca italiani ed internazionali nelle aree di eccellenza in cui esplica la sua attività.

Segui DS Medica      

Tecnologia e servizi approvati da:


EMA: European Medical Association


Federanziani

Sistema di certificazione qualità:

Uffici di rappresentanza:

Sede di Milano
Via Teodosio, 74
20131 - Milano
Sede di Roma
Viale Regina Margherita, 302
00198 – Roma
Sede di Napoli
Via Jannelli 646
80131 - Napoli