Ovaio policistico e dieta

Uno studio italiano enfatizza il ruolo positivo della dieta mediterranea

Immagine dieta mediterraneaLa sindrome dell'ovaio policistico (PCOS) è il disturbo endocrino femminile più comune ed è caratterizzata da anovulazione cronica, iperandrogenismo e ovaie policistiche.

L'obesità, lo stato infiammatorio cronico di basso grado e l'insulino-resistenza (IR) spesso coesistono nella PCOS.

La dieta mediterranea (MD) è un modello dietetico antinfiammatorio, ricco di carboidrati complessi e fibre e ricco di grassi monoinsaturi. Esiste una stretta associazione tra obesità, infiammazione cronica di basso grado, IR e alterazioni ormonali nella PCOS.

Uno studio recente ha valutato l'aderenza alla MD, l'assunzione con la dieta, la composizione corporea e la loro associazione con la gravità clinica della PCOS in una coorte di donne naïve al trattamento con PCOS rispetto a un gruppo di controllo di donne sane abbinate per età e indice di massa corporea (BMI).

In questo studio trasversale, caso controllato, sono state arruolate 112 pazienti con PCOS e 112 controlli.

La composizione corporea è stata valutata mediante impedenza bioelettrica (BIA).

Le donne con PCOS hanno mostrato livelli più alti di testosterone, di insulina e glucosio a digiuno e HoMA -IR rispetto al gruppo di controllo (p <0,001).

Le donne con PCOS consumavano meno olio extra vergine di oliva, legumi, pesce / frutti di mare e noci rispetto al gruppo di controllo.

Nonostante nessuna differenza nell'assunzione di energia tra i due gruppi, le donne PCOS hanno consumato una quantità inferiore di carboidrati complessi, fibre, acidi grassi monoinsaturi (MUFA) e acido grasso polinsaturo n-3 (PUFA) e una maggiore quantità di carboidrati semplici, acidi grassi saturi (SFA), PUFA e PUFA n-6 rispetto al gruppo di controllo.

Le donne con PCOS hanno una composizione corporea avversa rispetto ai controlli, con i valori più bassi di massa magra. Inoltre, dopo l'aggiustamento per l'IMC e l'assunzione totale di energia, i livelli di testosterone hanno mostrato correlazioni negative significative con il punteggio PREDIMED (p <0,001) e il consumo di proteine ​​(p = 0,005), carboidrati complessi (p <0,001), fibre (p <0,001), MUFA (p <0,001), n-3 PUFA (p = 0,001) e associazioni positive con livelli di CRP, carboidrati semplici, SFA, n-6 PUFA (p <0,001, rispettivamente) e PUFA (p = 0,002).

La soglia per il punteggio PREDIMED ≤ 6 potrebbe servire da soglia per un rischio significativamente aumentato dei livelli di testosterone.

Per sintetizzare, è stata riportata una nuova associazione diretta tra l'adesione alla MD e la gravità clinica della malattia nelle donne con PCOS. Questa associazione potrebbe supportare un ruolo terapeutico degli alimenti e dei nutrienti del modello dietetico mediterraneo nella patogenesi della PCOS che probabilmente coinvolge il loro stato infiammatorio, IR e iperandrogenemia.
 

Autori: Barrea L, Arnone A, Annunziata G et Al.
Fonte: Nutrients. 2019 Sep 23;11(10). pii: E2278. doi: 10.3390/nu11102278.
Link della fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/31547562


 
Autore:

DS Medica

Società leader in Italia nella nutrizione clinica e nella diagnostica per immagini. DS MEDICA è partner dei più importanti Istituti di Ricerca italiani ed internazionali nelle aree di eccellenza in cui esplica la sua attività.

Segui DS Medica      

Tecnologia e servizi approvati da:


EMA: European Medical Association


Federanziani

Sistema di certificazione qualità:

Uffici di rappresentanza:

Sede di Milano
Viale Monza 133
20125 - Milano
Sede di Roma
Viale Regina Margherita, 302
00198 – Roma
Sede di Napoli
Via Jannelli 646
80131 - Napoli